Conseguenza di alcolismo dalla persona

FITNESS e ALCOL - Tutto quello che devi sapere [Parte 3]

Tinture su alcool da alcolismo

Primario in Medicina delle Farmacodipendenze, 2 Psicologo, 3 Psicologa. Specializzata in Dipendenze Patologiche. Tali effetti aumentano di intensità in funzione della quantità della dose di alcool assunta.

Per esempio i vini determinano un assorbimento di alcool conseguenza di alcolismo dalla persona immediato rispetto alle birre. Altre conseguenze più propriamente fisiche sono a carico del fegato, con possibilità di sviluppo di patologie quali la cirrosi, per esempio, dello stomaco, del sistema cardiocircolatorio.

Le donne alcoliste in gravidanza partoriscono figli affetti da una sindrome denominata FAS Foetal Alcool Syndromecaratterizzata da difficoltà nella crescita, alterazioni a carico del sistema nervoso centrale, basso QI e malformazioni facciali. Inoltre il consumo di alcool anche a basse dosi determinerebbe un aumento della probabilità di incorrere in un aborto. Conseguenza di alcolismo dalla persona una prospettiva genetica, Cloninger et al.

Un tipo è associato ad un comportamento di abuso di alcool da parte dei genitori biologici, ma senza episodi di criminalità. Il secondo tipo di alcolismo è associato a episodi di criminalità e ad un comportamento di abuso di alcool da parte dei genitori conseguenza di alcolismo dalla persona. Il primo tipo di comportamento si verifica sia negli uomini che nelle donne, si verifica in età relativamente avanzata ed è meno grave e di solito non associato a problemi sociali di tipo criminoso.

Il secondo tipo si verifica più di frequente negli uomini, compare in età relativamente giovane, ha un decorso più grave ed è spesso associato a problemi sociali di tipo criminoso. Studi su gemelli monozigoti ed eterozigoti mostrano che esiste una probabilità superiore di sviluppare il comportamento di abuso di alcool nei gemelli monozigoti piuttosto che in quelli eterozigoti, nonostante vi sia una probabilità anche in questi ultimi di diventare alcolisti entrambi.

Sembra pertanto che, oltre alla componente genetica, il fenotipo sia ampiamente condizionato anche da condizioni conseguenza di alcolismo dalla persona. Infine gli studi sulle adozioni di individui che vengono separati dalla loro famiglia naturale alla nascita mostrano che i figli di genitori naturali alcolisti affidati a famiglie di non alcolisti hanno una probabilità maggiore di sviluppare un comportamento di abuso di alcool rispetto ai figli di genitori naturali non alcolisti.

Esso differisce da tutte le altre droghe cosiddette di abuso in conseguenza di alcolismo dalla persona non ha uno specifico recettore localizzato nel cervello [4]. Diversi studi mostrano come gli animali da laboratorio si autosomministrino alcool [1]. La ricerca che supporta tale ipotesi, comunque, sembra essere equivoca. Inoltre i pazienti alcolisti hanno un livello minore di serotonina rispetto ai non alcolisti [10]. La tolleranza si sviluppa nei confronti degli effetti motori, conseguenza di alcolismo dalla persona ed ansiolitici della sostanza, come si osserva in esperimenti su animali.

Il che significa che una dose maggiore di alcool è necessaria per produrre gli stessi effetti. I sintomi più comuni sono: ansia, anoressia, insonnia, disorientamento e talvolta allucinazioni. I sintomi più comuni del delirium tremens sono allucinazioni, disorientamento nel tempo e nello spazio e la comparsa di comportamenti irrazionali.

Il Naltrexone è un antagonista dei recettori oppiacei ed ha un effetto diretto sul comportamento di ricerca di alcool. La somministrazione di naltrexone nei ratti determina una diminuzione del consumo volontario di alcool, mentre per gli esseri umani già dal è nota proprietà della sostanza di ridurre il consumo di alcool.

In conclusione, in base a tali studi, il naltrexone blocca o attenua gli effetti degli stimoli condizionati preventivamente associati al consumo di alcool. National Agency on Alchool Misure. Internet: alcoholconcern. Pratt ed. W Kalivas and H. Samson eds. Y, et al. Kalivas, and H. Fattori genetici In una prospettiva genetica, Cloninger et al.